Mercoledì, 22 Maggio 2024
Gela, 22°C - Sereno

Totó Sauna torna al comando della Municipale dove è stata allestita la camera ardente

Cronaca

Totó Sauna torna al comando della Municipale dove è stata allestita la camera ardente

Il feretro di Totò Sauna è tornato in quella che per oltre 30 anni è stata la sua seconda casa, il comando di Polizia Municipale di via Ossidiana. L'ex ispettore &egrav...

Graziano Amato

30 Maggio 2023 13:37

190
Guarda videoTotó Sauna torna al comando della Municipale dove è stata allestita la camera ardente
Advertising

Il feretro di Totò Sauna è tornato in quella che per oltre 30 anni è stata la sua seconda casa, il comando di Polizia Municipale di via Ossidiana. L'ex ispettore è volato in cielo sabato, in Lombardia, a causa di alcune complicazioni legate al brutto male che lo aveva colpito alla fine dello scorso anno. Da quando Totò ha smesso di frequentare il comando, dove oggi è stata allestita la sua camera ardente, gli uffici sono più silenziosi. Sulla sua scrivania, i colleghi hanno poggiato una rosa bianca. Alle spalle della sua poltrona, vuota da mesi, la locandina di una delle ultime iniziative di educazione stradale organizzate dall'ispettore, una delle sue ultime foto, un calendario della Roma, di cui era tifosissimo, e una delle tante targhette di riconoscimento che gli sono state consegnate nel corso degli anni. Componente della squadra antiabusivismo Totò Sauna ha formato intere generazioni al rispetto del codice della strada. Uomo di una fede granitica, nutriva un forte rispetto della vita e per questo si arrabbiava quando qualche giovane perdeva la vita a causa di un incidente stradale - come ci racconta Maria Pia, collega che gli è stata affianco per tanti anni. Il feretro di Totò Sauna è arrivato al comando di Polizia Municipale intorno alle 7:00 di questa mattina e da allora un continuo via vai di gente ha affollato la sala conferenze dell'edificio. Sul feretro sono state poggiate le cose a cui Totò era più legato e che rappresentano le sue più grandi passioni: le sciarpe della Roma, il suo cappello d'ordinanza, un fazzoletto degli scout. A terra, un pallone della Roma e poi tantissimi fiori. Sulle composizioni floreali le firme del Roma Club. Dell'amministrazione comunale, dei colleghi del Comando della Municipale di Gela e di Malpensa, dove Sauna avviò la sua carriera. Una composizione di rose gialle compone il numero "1". Il significato lo spiega Giuseppe, un suo collega: "Totò era vulcanico e riusciva a smorzare gli animi anche nei momenti concitati - dice - per lui eravamo tutti i numeri 1". Accanto al feretro la moglie ed i suoi figli, che non lo hanno lasciato solo neanche per un momento. Raccontano che Totò ha avuto il sorriso stampato sul volto, fino all'ultimo istante. C'è tristezza, sconforto e sgomento negli occhi dei colleghi che alla moglie di Totò hanno consegnato il rosario che l'ispettore teneva sempre in tasca per pregare nei momenti più difficili della sua vita. "Noi siamo la legge - cosi era solito dire, come ci racconta un'altra sua collega - ma dobbiamo farla rispettare con amore". Dopo la notizia della morte di Totò Sauna centinaia sono stati i messaggi di cordoglio e ricordo apparsi sulla sua pagina Facebook. Impossibile riassumere in poche righe tutte le qualità con cui amici e conoscenti lo hanno descritto, come l'ex comandante Salvatore Alè.di Graziano Amato

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti