Domenica, 14 Aprile 2024
Gela, 21°C - Nuvoloso

RIAPERTO MALATTIE INFETTIVE DELL’OSPEDALE SI PUNTA ALLA PREVENZIONE NELLA GIORNATA CONTRO L’AIDS

Banner Testata

Salute

RIAPERTO MALATTIE INFETTIVE DELL’OSPEDALE SI PUNTA ALLA PREVENZIONE NELLA GIORNATA CONTRO L’AIDS

Il primo dicembre è la giornata mondiale per la lotta contro l'aids, la malattia infettiva causata dal virus HIV. Una giornata importante che fa da apripista ad una settimana interam...

Stefano Blanco

01 Dicembre 2022 14:21

65
Guarda videoRIAPERTO MALATTIE INFETTIVE DELL'OSPEDALE SI PUNTA ALLA PREVENZIONE NELLA GIORNATA CONTRO L'AIDS
Advertising

Il primo dicembre è la giornata mondiale per la lotta contro l'aids, la malattia infettiva causata dal virus HIV. Una giornata importante che fa da apripista ad una settimana interamente dedicata a questa infezione che rispetto ai primi casi documentati nel 1981 ad oggi ha cambiato decisamente il suo impatto nella vita di chi ne è affetto, con la ricerca che ha fatto passi da gigante. Il problema oggi, dunque, non è rappresentato tanto dalla malattia in sé quanto più dalla capacità di diagnosticarla preventivamente e non alla comparsa dei primi sintomi quando poi l'infezione può realmente diventare un problema.In questo senso diventa una luce in fondo al tunnel la riapertura del reparto di malattie infettive, un reparto che sulla carta è stato sempre operativo seppur fortemente pressato dalle vicende legate alla pandemia. Oggi anche grazie all'arrivo del dottor Fabrizio Pulvirenti, infettivologo puro, dal curriculum di tutto rispetto, il reparto sta rialzando la testa occupandosi nuovamente di infettivologia che non riguardi il Covid-19 a partire e puntando su campagne di prevenzione come quella contro l'aids.A tutto ciò si aggiunge l'enorme sforzo che tante imprese stanno facendo nel tentativo di sensibilizzare su un taboo tanto stigmatizzato come quello sull'infezione da HIV. È il caso della famiglia Cauchi, col giovane Salvatore in prima linea che ha sposato a pieno questa iniziativa.di Stefano Blanco

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti