Giovedì, 18 Aprile 2024
Gela, 12°C - Sereno

Si sblocca l’Iter per il banco alimentare nell’ex Mattatoio di Gela: lavori al via a metà ottobre

Banner Testata

Comune di Gela informa

Si sblocca l’Iter per il banco alimentare nell’ex Mattatoio di Gela: lavori al via a metà ottobre

L'amministrazione comunale non nasconde la sua soddisfazione

Simone Carrubba

27 Settembre 2023 12:40

338
Guarda videoSi sblocca l'Iter per il banco alimentare nell'ex Mattatoio di Gela: lavori al via a metà ottobre
Advertising

E' stato completato l'iter per la riqualificazione e rifunzionalizzazione del Banco alimentare di via Cascino. "Entro il mese di ottobre - ha spiegato il Sindaco Lucio Greco  in conferenza stampa - Eni potrà finalmente avviare i lavori che consentiranno, entro il 2024, di creare in città il terzo hub regionale del Banco Alimentare siciliano. Dopo Palermo e Catania, Gela diventerà centro importante di smistamento di derrate alimentare a sostegno di migliaia di famiglie in difficoltà. Ne trarranno beneficio le tante associazioni di volontariato che anche da noi assistono soggetti fragili. Lo ritengo un grande traguardo".

Advertising

Il progetto, come ha spiegato il dirigente dei Lavori pubblici Tonino Collura, prevede un investimento complessivo di circa 700 mila euro. "L'iter è stato travagliato per via di alcune prescrizioni dell'Autorità di bacino. Abbiamo bonificato l'intera area e smaltito rifiuti non classificabili per consegnare ad Eni il capannone svuotato da tutto. I lavori dovrebbero iniziare entro ottobre e concludersi in circa otto mesi".

Advertising

Presenti alla conferenza stampa anche gli assessori ai Servizi sociali, Ugo Costa, ai Lavori pubblici Romina Morselli, all'Istruzione Salvatore Incardona ed allo Sviluppo economico Francesca Caruso. "E' stato svolto un lavoro in sinergia tra i vari settori - ha detto Morselli - vigileremo affinchè i tempi vengano rispettati". "Ci sarà un alto impatto sociale - ha aggiunto Costa - le associazioni di volontariato non dovranno più spostarsi a Catania e spendere i soldi del carburante ed il noleggio del furgone. L'hub di Gela servirà un Comprensorio importante". In Sicilia, Palermo serve 277 strutture di volontariato e 96.000 persone, mentre Catania 430 associazioni e 145.500 persone

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti