Giovedì, 18 Aprile 2024
Gela, 12°C - Sereno

Manager della sanità, in 8 hanno procedimenti giudiziari: salta la ratifica delle nomine

Banner Testata

Politica

Manager della sanità, in 8 hanno procedimenti giudiziari: salta la ratifica delle nomine

In particolare la commissione ha chiesto al governo i casellari giudiziari

Redazione

20 Febbraio 2024 21:36

715
Guarda videoManager della sanità, in 8 hanno procedimenti giudiziari: salta la ratifica delle nomine
Advertising

Otto dei 18 manager della sanità, nominati nei giorni scorsi dal governo Schifani, hanno in corso procedimenti penali. È quanto emerge dalla seduta della commissione Affari istituzionali dell'Ars che stamattina si è riunita per l'esame dei curricula, atto propedeutico alla concessione del parere. La seduta si è conclusa con la richiesta di approfondimenti, fatta dal Pd ma anche da alcuni commissari di maggioranza, all'assessore alla Salute, Giovanna Volo. In particolare la commissione ha chiesto al governo i casellari giudiziari dei manager nominati, le valutazioni dell'Agenas e dell'assessorato alla Salute sul raggiungimento annuale degli obiettivi; eventuali procedimenti di commissariamento nei confronti degli incaricati nel caso abbiano assunto già in passato il ruolo manageriale, i verbali della commissione d'esame e una relazione sui motivi dei due elenchi in cui furono inseriti gli aspiranti manager tra più e meno idonei.

Advertising

Tra i 18 manager, otto risultano che abbiano procedimenti giudiziari in corso: i reati, a vario titolo, sono abuso d'ufficio, omicidio colposo, concorso formale-reato continuato, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, rapporto di causalità, interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità, lesioni personali colpose, delitti contro il patrimonio mediante frode e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. Per regolamento la commissione deve dare il parere sulle nomine entro trenta giorni, il timer scatterà dal momento in cui avrà ricevuto dal governo le risposte agli approfondimenti richiesti.I direttori generali che hanno dichiarato di non avere procedimenti penali in corso sono Ferdinando Croce, Salvatore Lucio Ficarra, Giuseppe Giammanco, Maurizio Letterio Lanza, Giuseppe Cucci, Giuseppe Capodieci, Daniela Faraoni, Walter Messina, Catena Di Blasi.

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti