Domenica, 19 Maggio 2024
Gela, 29°C - Nuvoloso

M5S all’Ars: "Governo allo sbando, ora affondiamo la sanatoria delle villette sul mare"

Politica

M5S all’Ars: "Governo allo sbando, ora affondiamo la sanatoria delle villette sul mare"

Ce la metteremo tutta per affossarla, e se dovesse andare male segnaleremo l'incostituzionalità

Redazione

08 Febbraio 2024 17:05

461
Guarda videoM5S all'Ars: "Governo allo sbando, ora affondiamo la sanatoria delle villette sul mare"
Advertising

"Governo allo sbando totale. E ora affondiamo la vergognosa sanatoria in cantiere per le villette sul mare". Lo afferma il capogruppo del M5S all'Ars, Antonio De Luca, all'indomani del clamoroso ko del governo che ha mandato in soffitta la legge che avrebbe riportato in vita le Province. "I pesantissimi e clamorosi recenti scivoloni del governo - dice Antonio De Luca - testimoniano chiaramente che questo esecutivo è dilaniato e senza maggioranza e che non è assolutamente in grado di governare la Sicilia. Oltre alle norme incostituzionali già impallinate in aula, in cima all'agenda di Schifani c'è ora un'altra legge vergognosa, ingiusta e incostituzionale, quella della sanatoria delle villette sul mare, che, col clima di tutti contro tutti che s'è creato nella maggioranza, potrebbe fare la stessa fine delle altre leggi appena bocciate che stavano a cuore a Schifani.

Advertising

Noi ce la metteremo tutta per affossarla, e se dovesse andarci male segnaleremo l'evidentissima incostituzionalità a Roma che non potrà chiudere entrambi gli occhi davanti all'evidenza, anche se a Palazzo Chigi siede un governo dello stesso colore di quello siciliano". "Che la sanatoria in cantiere sia incostituzionale - aggiunge Antonio De Luca - è lapalissiano. I condoni rientrano nella materia penale di competenza dello Stato. Ce lo ha ricordato recentemente la sentenza della Consulta con cui è stata dichiarata incostituzionale la legge regionale che tentava di allargare le maglie del terzo condono.

Advertising

Allora fummo noi, con il nostro deputato Giampiero Trizzino, a segnalare la legge a Roma. In caso di disco verde dell'aula torneremmo a farlo. La difesa del paesaggio, oltre che un principio fondamentale della Costituzione, è sempre stata nel dna del nostro Movimento e non siamo disposti a fare sconti a nessuno". 

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti