Giovedì, 23 Maggio 2024
Gela, 19°C - Nuvoloso

Gela verso il voto, Franzone si candida a sindaco: "Da noi non parole ma fatti"

Politica

Gela verso il voto, Franzone si candida a sindaco: "Da noi non parole ma fatti"

"Non siamo di sinistra, nemmeno di destra. Siamo di Gela"

Redazione

28 Febbraio 2024 15:01

1627
Guarda videoGela verso il voto, Franzone si candida a sindaco: "Da noi non parole ma fatti"
Advertising

L'altro ieri sera, l'agorà del cosiddetto "campo largo", ha visto l'indicazione dell'ex vicesindaco Terenziano Di Stefano quale candidato a primo cittadino. Sullo stesso, oltre che le due liste civiche di riferimento (Una buona idea e Civico Lab), c'è stata la convergenza di Movimento 5 stelle, Sud chiama nord, Azione, Pci e la lista di Maurizio Melfa (Ripartiamo da zero). Il Pd non ha fatto indicazioni. Il tavolo dei moderati ha delegato Italia viva ed ha comunicato che andrà avanti con un suo candidato, che non sarà Piero Lo Nigro. L'esponente socialista ha infatti ritirato la sua disponibilità a candidarsi in entrambi i tavoli. Anche Miguel Donegani e le sue liste hanno scelto un percorso diverso, alternativo al centrodestra ed al sindaco uscente, Lucio Greco, compreso chi ha fatto parte della sua compagine di governo, riferendosi in particolare al ruolo di vicesindaco svolto da Di Stefano.

Advertising

Filippo Franzone si è preso un giorno di tempo per riunire i suoi e, nell'incontro di ieri sera, la platea ha deciso che, constatata l'assenza di un'unità dell'agorà, la scelta più opportuna è quella di scendere in campo con una propria lista per le prossime amministrative a sostegno della candidatura a sindaco di Filippo Franzone. Quest'ultimo ha sciolto definitivamente ogni riserva ed ha accettato. "Abbiamo partecipato al tavolo del centrosinistra, alla ricerca di possibili alleanze, ma purtroppo - ha dichiarato Franzone - abbiamo dovuto constatare che di invertire la rotta la politica gelese non ha proprio intenzione. Soliti nomi, soliti gruppi, solite logiche spartitorie, solito modus operandi. Così per Gela non c'è futuro, continuerà a trascinarsi, perdendo economia, appeal e soprattutto abitanti. Il numero elevato di abitanti, è stato l'unico vero punto di forza di questa città, ma la malapolitica ha permesso perfino che una città con un alto indice di popolazione giovanile ed un alto numero di nascite, perdesse abitanti.

Advertising

Progetti definanziati, mancata partecipazione a bandi importanti, distanza dai cittadini, mancanza di progettualità, hanno reso Gela una città povera che costringe i propri figli a migrare. Eppure - ha proseguito - Gela di possibilità di crescita ne ha tante, in tutti i settori, dalla portualità all'agricoltura, dal turismo all'industria, purtroppo, una politica miope e presuntuosa ha condotto una delle più importanti città della Sicilia, alla miseria, all'emigrazione, alla mancanza di servizi basilari, come ad esempio quelli ospedalieri. Non siamo di sinistra, nemmeno di destra. Siamo di Gela e soprattutto siamo per Gela, non a parole ma con i fatti. I nostri fatti sono dimostrabili, quasi 20 anni di lotte per la città, 20 anni di scontri con la miopia della politica locale. Siamo arrivati ad un bivio, o continuiamo, alzando il tiro, quindi entrando nelle stanze dei bottoni, oppure ci ritiriamo, lasciando la città in balia degli "statisti politici" gelesi. Siccome siamo autentici combattenti, abbiamo deciso di combattere, se periremo - ha concluso - lo faremo con l'onore delle armi (ovviamente in senso figurativo, non abbiamo mai incitato nessuno alla violenza)".

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti