Lunedì, 27 Maggio 2024
Gela, 19°C - Sereno

DEDICAZIONE E BENEDIZIONE DEL NUOVO ALTARE A SAN SEBASTIANO MARTIRE PRESIEDUTA DAL VESCOVO GISANA

Cultura

DEDICAZIONE E BENEDIZIONE DEL NUOVO ALTARE A SAN SEBASTIANO MARTIRE PRESIEDUTA DAL VESCOVO GISANA

Quella che è nata all'interno di un garage trent'anni fa è diventata un'importante realità per il territorio. La comunità di san Sebastiano festeggia un avveni...

Graziano Amato

20 Dicembre 2021 14:17

44
Guarda videoDEDICAZIONE E BENEDIZIONE DEL NUOVO ALTARE A SAN SEBASTIANO MARTIRE PRESIEDUTA DAL VESCOVO GISANA
Advertising

Quella che è nata all'interno di un garage trent'anni fa è diventata un'importante realità per il territorio. La comunità di san Sebastiano festeggia un avvenimento unico e suggestivo. Da ieri la chiesa riferimento del quartiere Settefarine ha un nuovo altare, progettato dall'architetto Luigi Cosenza. La consacrazione e la dedicazione è avvenuta durante la celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo monsignor Rosario Gisana in una chiesa gremita di fedeli. Il progetto nasce dall'esigenza espressa dal parroco non Giorgio Cilindrello, che la chiesa l'ha vista nascere negli anni 80, di sostituire l'altare che si presentava indebolito. Costruito in ferro  non rispondeva  per forma e materiali a quanto disposto dalla Conferenza Episcopale che indica invece pietre naturali. Nel tempo il presbiterio ha subito delle modifiche e oggi la sistemazione del nuovo altare ricopre la posizione iniziale, nata dal desiderio di avvicinarsi ai fedeli durante le celebrazioni, ridandogli la funzione di centro attorno al quale sono convocati. Il nuovo altare, è composto da un unico blocco di pietra estratto dalla cava con spigoli leggermente inclinati. Elementi he danno la percezione di stabilità.   la pietra si interrompe nella facciata rivolta verso l'assemblea, mostrando una parte mancante che diviene liscia per rappresentare la doppia persona, umana e divina. Il vuoto simboleggia anche la pietra del sepolcro che rotola via per dare spazio alla luce del Cristo risorto. E poi i simboli: il pesce, l'ancora e il più antico acronimo usato per indicare Gesù.di Graziano Amato

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti