Giovedì, 23 Maggio 2024
Gela, 19°C - Nuvoloso

Villa confiscata e incendiata a Gela, il sindaco lancia un appello: "Insieme possiamo consegnare l’immobile a Casa Rosetta"

Attualità

Villa confiscata e incendiata a Gela, il sindaco lancia un appello: "Insieme possiamo consegnare l’immobile a Casa Rosetta"

La villa stata incendiata il giorno prima dell'assegnazione

Attilio Vindigni

09 Aprile 2024 17:34

466
Guarda videoVilla confiscata e incendiata a Gela, il sindaco lancia un appello: "Insieme possiamo consegnare l'immobile a Casa Rosetta"
Advertising

Il primo cittadino Lucio Greco, questa mattina in municipio, ha incontrato sindacati, associazioni culturali, civili e imprenditoriali a seguito del grave all'attentato incendiario contro l'immobile sulla Ss.117bis, confiscato a Murana, ritenuto vicino ai clan mafiosi, per destinato all'associazione "Casa Rosetta" impegnata in attività sociale. Presenti in aula consiliare anche i rappresentanti di alcuni istituti scolastici. Non è intervenuta la politica come sottolineato dal sindaco Lucio Greco amareggiato per l'assenza dei vari partiti. L'obiettivo è quello di trovare i fondi necessari, circa 200 mila euro per far fronte ai danni subiti dall'immobile. "L'atto vandalico è un danno che non riguarda solo Casa Rosetta, ma è un attentato che interessa tutta la città", così il Sindaco. L'auspicio dei sindacati è che il tema toccato in aula consiliare non finisca nel dimenticatoio.

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti