Lunedì, 27 Maggio 2024
Gela, 19°C - Sereno

Studenti alla ricerca della memoria, proiettato "Lo Sbarco": da Gela un messaggio di pace e libertà

Cultura

Studenti alla ricerca della memoria, proiettato "Lo Sbarco": da Gela un messaggio di pace e libertà

Il cortometraggio è stato proiettato nell'ex chiesa di San Giovanni

06 Luglio 2023 09:22

642
Guarda videoStudenti alla ricerca della memoria, proiettato "Lo Sbarco": da Gela un messaggio di pace e libertà
Advertising

"Lo Sbarco" è stato prodotto da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) con la regia di Iacopo Patierno, già autore tra l'altro della web serie "Italia Sicilia Gela". "Lo Sbarco", un film destinato al circuito dei festival internazionali,  sarà trasmesso: l'8 luglio sul sito Gela Le Radici del Futuro e sempre  l'8  luglio, alle 21,30, sulla nostra emittente  Retechiara che lo ritrasmetterà in replica il 10 giugno alle 18,00. La trasmissione sarà preceduta da una breve presentazione del regista Iacopo Patierno. 

Advertising

Le proiezioni proseguiranno il 14 luglio presso il Club Nautico in una serata organizzata dal Circolo per soci e invitati. Poi, il 27 settembre, proiezione nell'aula magna dell'Istituto Morselli di Gela, l'Istituto da cui provengono studentesse e studenti che hanno contribuito alla sua realizzazione.  "Lo Sbarco" segue un gruppo di studentesse e studenti in veste di esploratori della memoria e ricercatori di messaggi di pace. Si immergono nella città di Gela, in Sicilia, alla ricerca della memoria che conserva il tessuto cittadino riguardo all'operazione Husky, lo sbarco delle truppe alleate a Gela avvenuto il 10 luglio 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale, un passaggio decisivo per la caduta del fascismo prima e del nazismo poi.

Advertising

Attraverso le interviste effettuate a cittadine e cittadini, a testimoni dell'epoca, a esperti storici il film indaga il rapporto di quell'evento con i temi di pace e guerra; approfondisce l'impatto che la guerra ha avuto sulla città e sulle persone, sia a livello individuale che collettivo; riprende e registra ricordi e memorie preziosi. Visitando i luoghi simbolo dei combattimenti nella piana di Gela e sul lungomare, gli esploratori della memoria provano ad immaginare come doveva essere vivere in quel contesto di guerra, impersonificano gli abitanti dell'epoca ed esprimono cosa potessero provare al momento dello sbarco.

Advertising

 Il film esamina anche come la memoria storica possa influenzare il futuro di una città e dei suoi abitanti, stimolare una riflessione sul tema della pace e della guerra al giorno d'oggi. Quello che "Lo Sbarco" propone è un viaggio tra memoria storica e vita contemporanea; le strade e i molti luoghi nel perimetro adiacente alla città portano ancora i segni dei combattimenti del 1943. Le persone di Gela  lo vivono come un evento lontano e ormai superato, irripetibile? Quali insegnamenti è possibile trovare da quell'evento al giorno d'oggi? E' possibile trasmettere l'emozione e il senso di urgenza riguardo alla necessità di preservare la memoria storica e di lavorare per la pace? "Lo Sbarco" è un film realizzato nell'ambito del progetto Gela Le radici del futuro, coordinato da Jacopo Fo e Bruno Patierno, con il sostegno di Eni e il patrocinio della città di Gela.   

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti