Martedì, 25 Giugno 2024
Gela, 23°C - Nuvoloso

Morte sospetta per un meccanico di Gela: la famiglia chiede verità e giustizia

Attualità

Morte sospetta per un meccanico di Gela: la famiglia chiede verità e giustizia

Orazio Puccio morì a Messina il 2 novembre 2020

Graziano Amato

20 Novembre 2023 12:39

4180
Guarda videoMorte sospetta per un meccanico di Gela: la famiglia chiede verità e giustizia
Advertising

Verità e giustizia per Orazio Puccio, gelese di 64 anni morto all'ospedale di Messina  il 2 novembre del 2020. Le chiede la vedova Rosa Almerini, dopo tre anni di silenzi. Il calvario del marito iniziò con alcuni malesseri avvertiti dall'uomo. Poi, la corsa all'ospedale Vittorio Emanuele, alcuni rimbalzi, il ricovero, l'aggravamento repentino improvviso e irreversibile, il trasfetimento al "Piemonte Bonino Pulejo" di Messina e il decesso, che ha gettato nello sconforto la famiglia del meccanico specializzato trasfertista. Le circostanze della sua morte sono sempre state ritenute nebulse da moglie e figli di Orazio che hanno subito presentato denuncia. Le indagini sull'accertamento di eventuali responsabilità del personale ospedaliero di Gela portarono il PM a conferire un incarico a un consulente medico legale.

Advertising

Da quel momento in poi sul caso Puccio, inizialmente seguito dalla Procura di Messina e poi trasferito a quella di Gela è calato il silenzio. A nulla sono serviti solleciti. I termini vengono prorogati. Cresce la preoccupazione dei familiari per i termini della prescrizione. Rosa e i suoi figli vogliono solo conoscere la verità, senza pregiudizi e valutazioni approssimative. L'appello della vedova, dei suoi figli e dell'avvocato che li assiste è rivolto al Pm e al Procuratore e alla Corte di Appello di Caltanissetta. Si chiede di sapere quantomeno se la consulenza sia stata espletata, relazionata, depositata e ostensibile o se siano ancora in corso accertamenti di speciale difficoltà tanto da autorizzare le proroghe dei termini. 

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti