Giovedì, 18 Aprile 2024
Gela, 12°C - Sereno

Argo Cassiopea, Di Stefano: "Compensazioni, ci prendono a schiaffi e a Gela tutti zitti"

Banner Testata

Politica

Argo Cassiopea, Di Stefano: "Compensazioni, ci prendono a schiaffi e a Gela tutti zitti"

La notizia dell'emendamento bocciato avrebbe dovuto far saltare dalla sedia indistintamente tutti.

09 Luglio 2023 16:16

219
Guarda videoArgo Cassiopea, Di Stefano: "Compensazioni, ci prendono a schiaffi e a Gela tutti zitti"
Advertising

"Se c'è un tema che dovrebbe tradursi in comandamento sacro è quello dei ristori finanziari per il progetto sul gas Argo Cassiopea ma a ben guardare, siamo ben lontani. Perché, a ben guardare, lo dico senza giri di parole, ci stanno prendendo a schiaffi. Solo qualche giorno fa infatti, al parlamento regionale è stato bocciato un emendamento che destinava parte delle  royalties provenienti dalle estrazioni di gas a mare, ai comuni costieri interessati dalle attività estrattive del gas, quindi Gela, Butera, Niscemi e Licata". E' quanto afferma in una nota Terenziano Di Stefano, componente di una Buona Idea. 

Advertising

"Parliamo di un'estrazione di gas pari a 10 miliardi di metri cubi per cui non serve essere un luminare della matematica per fare qualche calcolo e scoprire che ai Comuni del territorio, e mi riferisco tanto a Gela quanto a Niscemi, Butera e Licata sarebbero state riconosciute cifre da capogiro, in ogni caso tutte dovute. E invece nulla, l'emendamento è stato bocciato nel silenzio generale di tutti. Il tema per me è sacro e se per qualcuno non è ancora un comandamento , direi che è il momento di renderlo tale.

Advertising

La notizia dell'emendamento bocciato avrebbe dovuto far saltare dalla sedia indistintamente tutti. Non ho sentito tuonare nessuno, non ho sentito alcuna presa di posizione da parte dei deputati regionali e nazionali del territorio, non si è sollevata alcuna indignazione, alcuna contestazione. Ci prendono a schiaffi, ci negano ristori finanziari in termini compensativi o sotto forma di royalties e restiamo zitti? E che cosa siamo diventati allora? La vittima sacrificale delle decisioni prese dall'alto? Ma veramente possiamo consentire che ci neghino la possibilità di vederci riconosciute cifre nell'ordine di quasi 16 milioni di euro l'anno, lasciando che questo scempio si verifichi nel silenzio della politica e della deputazione  che con quel silenzio,indirettamente , favorisce lo scempio? Se da parte dei riferimenti regionali e nazionali, non si fanno le barricate  per cose così, non ci si indigna, non si inizia una battaglia ma allora esattamente quali sono i temi sui quali costruire ma soprattutto difendere il territorio?

Advertising

 La bocciatura di quell'emendamento traccia una linea la cui interpretazione è inconfutabile, ce lo hanno appena dichiarato: cari territori , non pensate di potere ottenere qualcosa, useremo le vostre coste , estrarremo il vostro gas,  estrarremo dai vostri territori tutto quello che ci serve, pure il sangue se vogliamo… voi statevene buoni e zitti in un angolo e non disturbateci mentre lo facciamo. Ecco , io credo sia il momento di disturbare eccome invece, di pretendere che ci venga riconosciuto tutto quello che ci spetta, di iniziare la battaglia Argo -Cassiopea fosse anche per la posa di una tubazione al centro del nostro mediterraneo perché anche una sola posa di tubazione va comunque compensata in termini di ristori. Il principio è molto semplice: vuoi estrarre il mio gas dal mio territorio?  Bene, riconoscimi il ristoro sotto forma di compensazione o royalties ma riconoscimelo! 

Sono i territori interessati dalle estrazioni , quindi Gela, Niscemi, Butera e Licata che devono far sentire la loro voce e non prestare l'altra guancia dopo questo primo schiaffo ricevuto, devono sedersi intorno ad un tavolo con i deputati  regionali e nazionali i quali devono subito mettersi a disposizione ed uscire dal silenzio, io mi auguro che capiscano che è il momento di tuonare, per fare fronte comune ed avviare un tavolo di risposta allo schiaffo in faccia che abbiamo appena ricevuto dimostrando, con il silenzio, che ci sta bene. Queste sono le battaglie a difesa dei nostri territori e per farle occorre che ognuno faccia la propria parte ad iniziare da ora. Non si mostri l'altra guancia,  si inizi invece  la battaglia ristori Argo Cassiopea. Nostre le coste , nostro il gas… allora nostri ristori!"

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti