Lunedì, 15 Luglio 2024
Gela, 34°C - Nuvoloso

Vaccini contro il Covid, AstraZeneca ora ammette gli effetti collaterali: "In rari casi"

Salute

Vaccini contro il Covid, AstraZeneca ora ammette gli effetti collaterali: "In rari casi"

Vaxzevria può causare un effetto collaterale che può portare alla morte

Redazione

30 Aprile 2024 12:29

5406
Guarda videoVaccini contro il Covid, AstraZeneca ora ammette gli effetti collaterali: "In rari casi"
Advertising

L'azienda farmaceutica AstraZeneca ha ammesso in tribunale per la prima volta che il suo vaccino contro il Covid-19  Vaxzevria può causare un effetto collaterale talvolta fatale. In un documento presentato all'Alta Corte di giustizia in Inghilterra, l'azienda britannico-svedese ha ammesso che il suo vaccino " può causare la TTS in casi molto rari". Si tratta della trombosi con sindrome trombocitopenica, in cui le persone colpite soffrono di coaguli di sangue e di una simultanea mancanza di piastrine. In alcuni casi la malattia può portare alla morte. Questa reazione estremamente rara è attualmente al centro di un'azione legale collettiva multimilionaria nel Regno Unito, riferisce il Daily Mail. Gli avvocati che rappresentano le vittime e le loro famiglie hanno fatto causa ad AstraZeneca ai sensi del Consumer Protection Act del 1987.

Advertising

Poiché si dice che il vaccino abbia causato "menomazioni" e morti, sostengono che il vaccino era "un prodotto difettoso" che "non era poi così sicuro", come i consumatori potevano aspettarsi. Tuttavia, AstraZeneca ha respinto fermamente questa affermazione. In totale, nel Regno Unito sono state somministrate circa 50 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca. I dati dell'autorità britannica di regolamentazione dei medicinali mostrano che almeno 81 cittadini britannici sono morti a causa di coaguli di sangue apparentemente collegati al vaccino AstraZeneca. Si stima che il rischio di TTS dopo la vaccinazione anti-Covid di AstraZeneca sia di circa uno su 50.000.

Advertising

Tuttavia, al vaccino AstraZeneca viene attribuito il merito di aver salvato circa sei milioni di vite in tutto il mondo durante la pandemia di coronavirus. Tuttavia, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", gli avvocati ritengono che in alcuni casi si potrebbe chiedere un risarcimento fino a 20 milioni di sterline. Costi che il contribuente deve sostenere. Al culmine della pandemia l'azienda farmaceutica ha stipulato un accordo di compensazione con il governo  per produrre le dosi di vaccinazione il più rapidamente possibile.

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti