Domenica, 14 Aprile 2024
Gela, 21°C - Nuvoloso

L’Istituto Majorana si aggiudica il primo posto al concorso video indetto durante il forum della Pace

Banner Testata

Scuola

L’Istituto Majorana si aggiudica il primo posto al concorso video indetto durante il forum della Pace

Commemorare il sacrificio di militari e civili senza distinzione di parte, educare alla memoria le generazioni future: su questo obiettivo comune la manifestazione "Sicilia 1943 a otta...

01 Aprile 2023 11:31

201
Guarda videoL'Istituto Majorana si aggiudica il primo posto al concorso video indetto durante il forum della Pace
Advertising

Commemorare il sacrificio di militari e civili senza distinzione di parte, educare alla memoria le generazioni future: su questo obiettivo comune la manifestazione "Sicilia 1943 a ottant'anni dallo Sbarco degli alleati sulle coste isolane" è andata in scena a Piazza Armerina, a chiusura del terzo Forum internazionale per la Pace, organizzato dall'ente no-profit fondato dal canadese Steve Gregory, che in questi giorni ha portato oltre mille tra studenti e cadetti a confrontarsi sui temi della pace, del rispetto e della memoria.L'intento è quello di creare una sorta di museo diffuso legato allo Sbarco, tramite una mappa geolocalizzata dei siti che a diverso titolo possono contribuire ad un unico percorso e grazie anche alla collaborazione delle scuole che sono state chiamate a partecipare ad un concorso a tema indetto dall'assessorato regionale ai Beni Culturali.Il concorso prevedeva la realizzazione da parte degli alunni di un video - saggio che quest'anno, oltre che parlare dello sbarco si concentrasse anche sul tema della disinformazione. Ancora una volta una scuola gelese ha portato in alto il nome della città classificandosi al primo posto. Si tratta della scuola Ettore Majorana della dirigente Linda Bentivegna, e della classe quinta dell'indirizzo Industria e Artigianato della prof.ssa Milena Pizzo.Quello della disinformazione è un tema molto caro a chi fa giornalismo e in un epoca come questa caratterizzata da quella che gli studiosi definiscono un Infodemia, ovvero la diffusione spasmodica di notizie e informazioni, le fake news sono sempre dietro l'angolo. I ragazzi nel corso di questo progetto lo hanno capito e come e hanno messo a frutto quanto studiato in questi lunghi cinque anni.di Stefano Blanco

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti