Giovedì, 23 Maggio 2024
Gela, 24°C - Nuvoloso

Protesta degli agricoltori, sindaco di Gela e assessore al presidio: "Comparto da salvaguardare"

Comune di Gela informa

Protesta degli agricoltori, sindaco di Gela e assessore al presidio: "Comparto da salvaguardare"

Prosegue la protesta a Ponte Olivo

Redazione

26 Gennaio 2024 12:32

360
Guarda videoProtesta degli agricoltori, sindaco di Gela e assessore al presidio: "Comparto da salvaguardare"
Advertising

«Gli agricoltori vivono momenti difficili. Si sentono abbandonati, se vogliamo anche traditi, dalle istituzioni, soprattutto quelle europee, che compiono scelte fortemente impattanti. A questo si aggiunge l'aumento esponenziale dei prezzi di produzione, del gasolio, dei fitosanitari, come anche le speculazioni che gravano sulla filiera e si ripercuotono esclusivamente sul produttore e sui consumatori finali. Tutto questo rischia di mandare in crash l'intero sistema». Lo dice il sindaco, Lucio Greco, che oggi ha raggiunto gli agricoltori che manifestano a Ponte Olivo insieme all'assessore Salvatore Incardona, portando loro la solidarietà dell'amministrazione comunale e dei cittadini di Gela.

Advertising

«Questa categoria - dice Greco - rappresenta il settore primario dell'economia siciliana, la spina dorsale di realtà quali Gela e il suo comprensorio. La Sicilia, storicamente, è sinonimo di turismo, bellezze paesaggistiche e produzioni agricole d'eccellenza, apprezzate nel mondo. Se perdiamo questa grande risorsa, se non ascoltiamo l'appello che ci arriva dai produttori, dai braccianti, rischiamo di mandare in crisi un intero sistema». Mercoledì pomeriggio l'assessore Incardona ha preso parte al tavolo tecnico sulle dighe, convocato dal prefetto. Proprio la gestione dell'acqua rappresenta uno dei punti della rivendicazione dei produttori, che oramai, in provincia, si estende dal nord a sud, da da Gela a Marianopoli.

Advertising

«Mi associo - dice Incardona - alle parole di piena solidarietà espresse dal sindaco. Sono e sarò al fianco dei lavoratori, dei sindaci dei comuni in cui è in atto la mobilitazione, e assieme a loro vivo questo momento di forte disagio. In prefettura abbiamo istituito un tavolo permanente sull'Agricoltura, del quale sono grato al prefetto. A quel tavolo siedono, con pari dignità, i rappresentanti dei coltivatori. È giusto, è il minimo che possiamo fare. Bisogna sostenerli, fare sistema, affinché, insieme, possiamo ottenere risposte certe dal Governo e dalle istituzioni europee».

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti