Giovedì, 18 Aprile 2024
Gela, 12°C - Sereno

Il Papa difende il vescovo su casi di abusi sessuali e scoppia la polemica

Banner Testata

Religione

Il Papa difende il vescovo su casi di abusi sessuali e scoppia la polemica

L'amarezza del ragazzo che ha denunciato il prete a Enna per abusi: "Intervento che fa male".

Redazione

06 Novembre 2023 19:37

815
Guarda videoIl Papa difende il vescovo su casi di abusi sessuali e scoppia la polemica
Advertising

Papa Francesco lo definisce un "perseguitato" e si schiera senza esitazioni a difesa del vescovo di Piazza Armerina, Rosario Gisana. Ma le dichiarazioni del pontefice sembrano destinate a rinfocolare le polemiche su alcuni presunti casi di violenza sessuale da parte di esponenti del clero nella diocesi guidata da monsignor Gisana. La presa di posizione del Papa arriva infatti alla vigilia della requisitoria del processo, davanti al tribunale di Enna, nei confronti di don Giuseppe Rugolo, arrestato nell'aprile del 2021 con l'accusa di violenza sessuale aggravata a danno di minori.

Advertising

Domani, nel corso dell'udienza presieduta da Francesco Pitarresi, il pm Stefania Leonte avanzerà le proprie richieste. "Trovo grave, oltre che inopportuno, che alla vigilia della requisitoria del pm e della discussione delle parti civili, ci sia l'intervento di Papa Francesco, che parla di vicende processuali di cui certamente poco o nulla conosce", dice l'avvocato Eleanna Parasiliti Molica, legale di Antonio Messina, il giovane oggi trentenne che ha denunciato gli abusi che avrebbe subìto quando era ancora minorenne.

Advertising

"Questo vescovo - dice Messina riferendosi a Gisana - è lo stesso intercettato mentre parla con Rugolo e dice di avere insabbiato tutto". La presunta vittima si rivolge poi direttamente a Papa Francesco per ribadirgli la richiesta di incontrarlo: "vorrei parlarle e raccontare, atti alla mano, cosa sta succedendo nella diocesi di Piazza Armerina". Il papa, nell'udienza di oggi con l'associazione Piccola Casa della Misericordia di Gela (Caltanissetta), ha invece elogiato il vescovo di Piazza Armerina: "Bravo, questo vescovo, bravo. È stato perseguitato, calunniato e lui fermo, sempre, giusto, uomo giusto. Per questo, quel giorno in cui andai a Palermo, ho voluto fare sosta prima a Piazza Armerina, per salutarlo; è un bravo vescovo".

Advertising

Lo scorso mese di luglio è stato rinviato a processo anche un catechista di Gela per presunti abusi su un minore. Secondo le indagini la presunta vittima aveva messo al corrente il vescovo degli abusi subiti. Affermazione che è sempre stata respinta da monsignor Gisana. La vicenda, che si intreccia con quella del processo Rugolo, è emersa nel corso della scorsa udienza al tribunale di Enna. Anche Antonio Messina, prima della denuncia, sostiene di essersi rivolto al vescovo che gli avrebbe offerto 25 mila euro in contanti presi dai fondi della Caritas in cambio di una clausola di riservatezza.

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti