Giovedì, 23 Maggio 2024
Gela, 24°C - Nuvoloso

"I giorni della ricerca", cerimonia al Quirinale: tra gli invitati anche Graziella Condello Città

Eventi

"I giorni della ricerca", cerimonia al Quirinale: tra gli invitati anche Graziella Condello Città

Da anni Graziella Condello Città fa parte dell'Airc

Redazione

30 Ottobre 2023 14:34

1323
Guarda video"I giorni della ricerca", cerimonia al Quirinale: tra gli invitati anche Graziella Condello Città
Advertising

Con una cerimonia al palazzo del Quirinale, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto oggi, 30 ottobre, una rappresentanza del mondo scientifico e di sostenitori della Fondazione Airc per la ricerca sul cancro e ha consegnato i premi nell'ambito dell'iniziativa dei Giorni della Ricerca. La delegazione di Gela dell'associazione italiana per la ricerca sul cancro è stata rappresentata dalla consigliera regionale della Fondazione Airc Graziella Condello Città. La signora Graziella  è stata segnalata dal Presidente Regionale prof. Riccardo Vigneri, per i brillanti risultati che la Delegazione di Gela ha conseguito nel corso dei 35 anni che la delegazione esiste a Gela. Solo tre delegazioni della Sicilia sono state invitate: Palermo, Siracusa e Gela. Nel corso della manifestazione il Presidente ha consegnato riconoscimenti ed attestati di merito a ricercatori e personalità dello spettacolo per i loro preziosi contributi alla ricerca contro il cancro-

Advertising

"La battaglia contro il cancro - ha detto Mattarella - è una grande impresa collettiva, richiede impegno, collaborazione, sostegno reciproco, fiducia. Curare, sperimentare, fare ricerca, promuovere la produzione di nuove terapie, di nuovi farmaci. E' in questo percorso - ha affermato il Capo dello Stato - che si riassume l'impegno prezioso di migliaia di operatori. Passi da gigante sono stati compiuti negli ultimi decenni. Infondono fiducia nell'azione che viene dispiegata. Quando l'Airc fu fondata, i tumori erano considerati malattie incurabili. Oggi è mutata profondamente la coscienza in proposito, non soltanto dei medici ma degli stessi pazienti e delle loro famiglie".

Advertising

"La ricerca è stata il motore primo del progresso dell'umanità. La duplice intuizione costitutiva dell'Airc ha avuto un valore profetico. Anzitutto: il cancro si può sconfiggere. In secondo luogo: per vincere questa sfida bisogna puntare sulla ricerca medica e scientifica. Una prospettiva duplice che ha creato progressivamente consapevolezza, partecipazione, cultura. E l'Italia è andata molto avanti sul fronte della ricerca sul cancro"

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti