Mercoledì, 22 Maggio 2024
Gela, 21°C - Nuvoloso

Droga "cruda o cotta" portata a domicilio: otto arresti nel nisseno

Cronaca

Droga "cruda o cotta" portata a domicilio: otto arresti nel nisseno

La droga arrivava da Palermo

Redazione

08 Marzo 2024 07:11

1704
Guarda videoDroga "cruda o cotta" portata a domicilio: otto arresti nel nisseno
Advertising

Stamattina la Squadra Mobile, nel corso delle indagini preliminari, ha eseguito otto misure cautelari personali emesse, su richiesta della Procura della Repubblica Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, dal Giudice per le Indagini Preliminari. Agli indagati, sette uomini e una donna, è stata applicata la misura cautelare della custodia in carcere in quanto gravemente indiziati di aver fatto parte di un'associazione per delinquere che aveva come fine il traffico di sostanze stupefacenti. Le indagini, iniziate nel 2022, hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico degli odierni arrestati, i quali, secondo la prospettazione formulata dall'Ufficio di Procura e accolta dal G.I.P., associati tra loro, si sarebbero occupati di rifornire di sostanza stupefacente, prevalentemente del tipo cocaina e marijuana, decine di acquirenti, molti dei quali ancora minorenni.

Advertising

La sostanza oggetto di vendita, secondo quanto emerso dalle attività investigative e contenuto nell'ordinanza cautelare, era consegnata al domicilio dell'acquirente o ceduta presso l'abitazione degli indagati. In particolare, la cocaina sarebbe stata ceduta pronta per essere consumata come crack (cotta), ovvero per essere sniffata (cruda); molto spesso, infatti, la richiesta di consegna di stupefacente sarebbe stata formulata dagli acquirenti tramite la semplice indicazione dello stato della sostanza "crudo o cotta", per far intendere la tipologia di droga da confezionare. L'uso di cocaina è già particolarmente pericoloso, ma quando viene assunta nelle forme del crack può essere letale o recare danni permanenti.

Advertising

In più occasioni la Squadra Mobile ha operato arresti e sequestri al fine di reprimere le numerosissime cessioni registrate dalle telecamere della Polizia di Stato posizionate nei luoghi divenuti delle vere e proprie "piazze di spaccio". Sono stati inoltre segnalati all'Ufficio Territoriale del Governo diversi assuntori che ad oggi stanno seguendo un percorso di recupero presso il Servizio Dipendenze. Grazie all'attività d'indagine gli investigatori hanno individuato il presunto canale di rifornimento di cocaina presso la città di Palermo. Al termine dell'attività investigativa, la Procura della Repubblica di Caltanissetta, che ha coordinato le indagini, ha richiesto ed ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari l'applicazione della misura cautelare nei confronti degli indagati. Grazie alla collaborazione della Squadra Mobile di Palermo e Savona è stato possibile individuare due degli indagati nei loro territori. 

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti