Lunedì, 27 Maggio 2024
Gela, 19°C - Sereno

Costretti a lavorare in campagna in condizioni disumane: 16 indagati nel nisseno

Cronaca

Costretti a lavorare in campagna in condizioni disumane: 16 indagati nel nisseno

Nel mirino degli inquirenti un giro d'affari tra Caltanissetta e Agrigento

Redazione

30 Novembre 2023 10:19

367
Guarda videoCostretti a lavorare in campagna in condizioni disumane: 16 indagati nel nisseno
Advertising

Caltanissetta, sfruttamento del lavoro e caporalato: indagate sedici persone. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica, sono state condotte dalla Polizia di Stato e dall'Arma dei Carabinieri. Gli operai, reclutati nel Capoluogo nisseno, erano trasportati a bordo di furgoni, in pessime condizioni di sicurezza, nelle campagne dei territori di Caltanissetta e Agrigento. La Procura della Repubblica di Caltanissetta, concluse le indagini preliminari, ha esercitato l'azione penale nei confronti di sedici persone, imputate per l'attività di intermediazione illecita allo sfruttamento lavorativo (cd. caporalato) e impiego di manodopera in condizioni di sfruttamento.

Advertising

Le indagini, iniziate alla fine del 2020, hanno visto impegnati, per un lungo arco temporale, la Squadra Mobile della Polizia di Stato e il N.O.R., Sez. Operativa dell'Arma dei Carabinieri. Al termine delle attività è stato possibile raccogliere gravi indizi di colpevolezza in ordine ai reati di sfruttamento del lavoro da parte di alcuni imprenditori agricoli o proprietari terrieri del territorio nisseno e di quello agrigentino, e segnatamente dei comuni di Delia, Sommatino, Palma di Montechiaro e Ravanusa, nonché quello di intermediazione illecita, cosiddetto caporalato, finalizzato al reclutamento di manodopera a basso costo da impiegare in condizioni di sfruttamento. Il tutto profittando dello stato di bisogno dei lavoratori - in prevalenza stranieri - derivante dalle precarie condizioni socio-economiche in cui gli stessi versavano. Le attività di intercettazione delle conversazioni telefoniche degli indagati hanno consentito di appurare che gli intermediari intrattenevano frequenti contatti con gli imprenditori/proprietari terrieri per concordare il numero di lavoratori di cui necessitavano e il compenso da corrispondere loro.

Advertising

I caporali, poi, trattenevano una parte del salario - già evidentemente inferiore al salario minimo fissato dai contratti collettivi di categoria o comunque sproporzionato rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato - da loro stessi consegnato ai braccianti. Si è altresì accertata la sussistenza degli altri indici di sfruttamento contemplati dalla norma penale in materia di orario di lavoro, riposi, ferie e malattia. I lavoratori, poi, non sarebbero mai stati sottoposti a visite mediche obbligatorie, non avrebbero mai partecipato a corsi di formazione per il maneggio di sostanze nocive, come fertilizzanti o antiparassitari, ne avrebbero mai ricevuto dispositivi di protezione individuale. Gli operai, domiciliati prevalentemente a Caltanissetta, sarebbero stati reclutati in centro città per poi essere trasportati a bordo di furgoni, in pessime condizioni di sicurezza, nelle campagne dei soggetti richiedenti.

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti