Giovedì, 23 Maggio 2024
Gela, 24°C - Nuvoloso

Archeologia, ritrovato a Segesta un altare ellenistico. Schifani: "Impegno a restituire patrimonio al pubblico"

Cultura

Archeologia, ritrovato a Segesta un altare ellenistico. Schifani: "Impegno a restituire patrimonio al pubblico"

La scoperta è avvenuta nei pressi dell'edificio denominato Casa del Navarca

30 Giugno 2023 10:07

160
Guarda videoArcheologia, ritrovato a Segesta un altare ellenistico. Schifani: "Impegno a restituire patrimonio al pubblico"
Advertising

Nuovo prezioso ritrovamento a Segesta: seppellito per secoli da pochi centimetri di terra e dalla vegetazione, nell'area dell'acropoli Sud è tornato alla luce un altare presumibilmente di epoca ellenistica, composto da due raffinati elementi lapidei scolpiti. «Questo eccezionale reperto rinvenuto conferma l'inestimabile valore storico e artistico che i siti archeologici rappresentano per il nostro territorio - dichiara il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani - testimonianza di un passato glorioso, ancora da scoprire e interpretare. Migliorare la fruizione di questi luoghi significa permettere a turisti e visitatori di vivere esperienze culturali immersive e di godere di un patrimonio unico».

Advertising

«Il Parco archeologico di Segesta non finisce mai di stupirci - afferma l'assessore regionale ai Beni culturali e all'identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato - Gli scavi continuano a riportare alla luce resti sempre diversi, che aggiungono nuove prospettive e chiavi di lettura a un sito dove sono stratificate molteplici civiltà. È la conferma di un impegno profuso per restituire valore aggiunto a un luogo affascinante, attrazione per i turisti di ogni provenienza geografica».

Advertising

La scoperta è avvenuta nei pressi dell'edificio denominato Casa del Navarca, in una zona finora poco esplorata, nell'ambito del progetto di manutenzione e fruizione dei fronti di scavo, proprio mentre alcuni operai ripulivano il terreno da sterpaglie e vegetazione spontanea. Entrambi i reperti sono a forma di tronco piramidale, in perfetto stato di conservazione, e dovrebbero costituire un altare per il culto familiare e un supporto per una scultura o un elemento di finitura. L'altare era stato pensato per essere adagiato alla muratura e presenta nella parte mediana posteriore un alloggiamento per un gancio metallico.

Advertising

Leggendo l'opera in senso verticale, appare un solido basamento con modanature e piccoli ovuli che ricordano delle perline; al centro un festone in altorilievo con cesti dai quali traboccano fiori e frutta; la parte superiore ricorda la partizione delle trabeazioni degli antichi templi e si chiude con delle volute di gusto ionico che delimitano i bordi di un mattone in terracotta posto in orizzontale. Probabilmente doveva sigillare lo spazio destinato a reliquie di eroi o di antenati. Il secondo elemento riporta una superficie scalpellata per favorire l'adesione dell'intonaco che copriva almeno tre lati. Un piccolo brano, piuttosto spesso, è ancora visibile nella parte alta. Anche in questo blocco troviamo una cornice modanata e un piano orizzontale.

«Dopo la scoperta di una strada lastricata e di preziose pavimentazione - aggiunge il dirigente generale del dipartimento dei Beni culturali, Mario La Rocca - vengono alla luce opere di rara bellezza, che confermano committenze di gusto elevato e la maestria degli antichi scultori del luogo». «La nostra intenzione, dopo i lavori di scavo e ricerca avviati con l'apporto dell'archeologa Alessia Mistretta dell'Università di Ginevra - sottolinea il direttore del Parco, Luigi Biondo - è quella di valorizzare il sito e renderlo fruibile ai visitatori in sicurezza. Queste scoperte portano nuova linfa vitale a un lavoro lungo e faticoso».

Studi più approfonditi e analisi di laboratorio potrebbero restituire altri preziosi dati e permettere di dare maggiori indicazioni sullo sviluppo artistico di una comunità ricca che non aveva dimenticato la grandezza delle opere della madre patria, ma aveva trovato il sistema di conciliare natura e artificio.

© Riproduzione riservata
In Evidenza
Potrebbe interessarti