CAOS BILANCIO, LA GIUNTA “BOCCIA” LA MOSSA DEL DIRIGENTE CONFERMANDO I DUBBI DEL CONSIGLIO COMUNALE

CAOS BILANCIO, LA GIUNTA “BOCCIA” LA MOSSA DEL DIRIGENTE CONFERMANDO I DUBBI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Le famigerate misure correttive che il consiglio comunale avrebbe dovuto votare domani, non arriveranno in aula. La giunta ha bocciato il documento proposto dal dirigente al bilancio Loredana Patti, confermando in sostanza i dubbi che il consiglio comunale nutre fin dal primo momento in cui è stata attivata la procedura prevista dall’articolo “153 del Tuel.” Una segnalazione “intempestiva” la definiscono il sindaco e gli assessori. Un’accelerazione avvenuta nonostante manchino alcuni dati essenziali e in assenza di un “progetto di bilancio formalmente presentato” che avrebbe portato la giunta e il consiglio a correggere un atto inesistente. Domani comunque l’aula sarà aperta ad un confronto voluto in primis dalla commissione bilancio. La richiesta di seduta urgente è stata firmata da 12 consiglieri. L’assise civica chiederà conto e ragione, sia all’amministrazione che alla dirigente Loredana Patti, su una situazione complessa che non li hai del tutto convinti. In aula oltre ai correttivi non arriverà neanche il consuntivo 2021 né tantomeno altro documenti finanziari. La ricognizione non è ancora terminata e la sensazione, secondo molti, è che si navighi a vista. A cosa e come abbiano lavorato in questi tre mesi il dirigente e il consulente è la domanda più frequente. Quello di domani si prospetta un duro confronto. In aula ci saranno anche i consiglieri di “Una buona idea”, il movimento civico a cui fa riferimento l’ex vicesindaco che nelle ultime settimane ha avviato una sorta di “operazione verità.” È proprio Terenziano Di Stefano che definisce la situazione attuale una “trappola” che chiede le dimissioni del dirigente e del consulente.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *