BARE IN ATTESA DI TUMULAZIONE A FARELLO MA SONO FINALMENTE INIZIATI I LAVORI PER 204 NUOVI LOCULI

BARE IN ATTESA DI TUMULAZIONE A FARELLO MA SONO FINALMENTE INIZIATI I LAVORI PER 204 NUOVI LOCULI

Il cimitero di Farello ancora oggi versa in gravi condizioni di incuria. Quella dell’edilizia cimiteriale è una delle questioni più criticate alle passate e alla recente Amministrazione e con l’alto numero di decessi registrato in città durante la prima fase della pandemia è stato di fatti aperto il vaso di pandora che ha portato alla luce tutti i problemi presenti al campo Santo di contrada Farello. Nel corso dell’anno si è tentato pian piano di arginare il problema principale ovvero quello della mancanza di loculi in cui porre i feretri. Inizialmente la soluzione migliore è parsa quella dei prefabbricati che tuttavia si sono rivelati un buco nell’acqua. A qualche mese fa risalgono denunce dovute alla perdita di liquidi da uno dei loculi che impestava di un odore acre tutta l’area, per non parlare poi di una presunta esplosione di un feretro dovuta verosimilmente all’accumularsi di gas. Ad oggi nella sala mortuaria del cimitero stazionano oltre 50 bare, alcune recenti altre risalenti al 2021. Una buona notizia arriva però proprio in questi giorni, infatti, mentre si attende che venga ufficializzato l’appalto ad una ditta del favarese per oltre 800 nuovi loculi la cui costruzione è prevista per il prossimo inverno, per contenere il problema e donare un po’ di serenità ai familiari dei defunti, già oggi sono iniziati i lavori di un primo lotto affidato alla ditta consorzio Perché Menotti di Ravenna, che verrà ultimato entro la fine dell’estate. Ancora oggi l’aria che si respira a Farello è quello di un abbandono graduale mista all’odore pungente e a tratti irrespirabile nei pressi della sala mortuaria, sembra però che finalmente le famiglie e i defunti dopo mesi di attesa tra non molto potranno ritrovare la meritata pace.

di Stefano Blanco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.