ANCORA UNA BEFFA SENZA ALCUNA ROYALTIES PER IL GASDOTTO MALTA-ITALIA COSÌ COME PER ARGO E CASSIOPEA

ANCORA UNA BEFFA SENZA ALCUNA ROYALTIES PER IL GASDOTTO MALTA-ITALIA COSÌ COME PER ARGO E CASSIOPEA

In questi giorni una notizia sta imperversando tra i corridoi del municipio gelese e ha fatto storcere il naso a più di qualche dirigente nonché al primo cittadino Lucio Greco. La notizia riguardante il gasdotto Malta – Sicilia rende noto come il recente nulla osta da parte del Governo Draghi porti a conclusione un iter durato mesi e che aveva subito una netta accelerazione proprio a causa dei rapporti incancrenitisi con la Russia che aumentavano il bisogno di diversificare le fonti energetiche italiane. Il sì del Governo significa l’avvio ad un opera dal valore superiore ai 200 milioni di euro che collegherà Delimara a sud di Malta direttamente con Gela con un condotto lungo oltre 150 km e pare che da tutto questo Gela non guadagnerà nulla né sotto forma di compensazioni né sotto forma di royalties proprio come per il progetto Argo Cassiopea. Pare assurdo che Gela non tragga alcuno tipo di vantaggio da una progetto che nella migliore delle ipotesi andrà comunque a deturpare un tratto di spiaggia del nostro litorale. Mega strutture sono già previste per non parlare del movimento di camion e tir dovuto poi al trasporto del gas e infine al rischio incalcolabile per quanto riguarda incendi o perdite che nessuno auspica ma che sono comunque da mettere in conto. Un conto salatissimo che Gela pagherà senza ricevere nulla in cambio.

di Stefano Blanco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.