CGIL RESPINGE LA BOZZA DELLA SRR PER LE ASSUNZIONI DEI LAVORATORI DEL SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

CGIL RESPINGE LA BOZZA DELLA SRR PER LE ASSUNZIONI DEI LAVORATORI DEL SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

La questione dei rifiuti a Gela e in provincia continua a rappresentare motivo di polemiche. Dal punto di vista del servizio c’è ancora tanta nebbia. La gestione in house dovrebbe partire tra qualche mese ma sembra che le bozze del bando proposte dalla Srr continuino a non convincere i sindacati. La bozza non è stata respinta in blocco, anzi, la Cgil ci tiene a far sapere che la maggior parte dell’ipotetico bando avrebbe passato il vaglio della sigla sindacale ma ci sono ancora alcuni punti che non convincono e a tratti preoccupano e se non limati potrebbero causare ritardi nella partenza del servizio. A rappresentare un problema importante per la Cgil sarebbe, dunque, la tutela dei lavoratori assunti che sarebbero quasi 200, oltre 130 a Gela con Timpazzo e circa una settantina tra i comuni delle cinque terre compresa Niscemi. Con le attuali condizioni e requisiti non si potrebbe garantire la riassunzione di molti dei dipendenti già a lavoro per la ditta Tekra, ad esempio e che dalla loro posseggono diversi anni, in alcuni casi decenni, di esperienza nel settore. A questo si aggiungono gravi inadempienze della ditta come il ritardo nei pagamenti degli stipendi e la sospensione delle ferie nei mesi di luglio e agosto che stanno portando pian piano lavoratori e sindacato sul piede di guerra.

di Stefano Blanco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.