GELA, PARCHEGGIO ARENA ANCORA TEATRO DI ATTI VANDALICI CON I RESPONSABILI INCURANTI DELLE TELECAMERE

GELA, PARCHEGGIO ARENA ANCORA TEATRO DI ATTI VANDALICI CON I RESPONSABILI INCURANTI DELLE TELECAMERE

La storia si ripete, i vandali devono aver scelto il parcheggio Arena come location perfetta per le loro bravate. Da settimane ormai la struttura pubblica, gestita dalla Ghelas multiservizi, è presa di mira e le continue denunce pubbliche non hanno fatto altro che alimentare un accanimento che oggi appare ancora più insensato. Tutto viene rigorosamente ripreso dalle telecamere di videosorveglianza di alta qualità, che sono tutt’altro che nascoste, ma questo non scoraggia i responsabili che al contrario continuano, di giorno e di notte, a svuotare gli estintori o aprire le manichette per goliardia o per lavarsi l’auto, filmando tutto coi cellulari e postandolo sui social. Persino l’arrivo di passanti o delle forze dell’ordine frena solo temporaneamente i giovani che nel giro di qualche ora tornano al loro bivacco. La municipalizzata, che ormai fa fatica a far fronte a questa situazione reiterata e quotidiana, a breve cederà la gestione della struttura al comune che potrà decidere a sua volta se cederla ad un privato o gestirla da sé. Il perché di questo accanimento contro i beni pubblici è ancora tutto da capire. Nel frattempo anche Macchitella è stata presa di mira dai vandali e in particolare la pista ciclabile che costeggia via Sabbioncello che è stata lasciata al buio a causa dell’ennesimo guasto. Ieri sera, infatti, ben 40 pali della luce si sono spenti lentamente, fino a lasciare gran parte della pista al buio. Il danno sarebbe dovuto ad un corto circuito causato probabilmente dai continui colpi che i vandali infliggono ai pali dell’illuminazione pubblica che vengono sballottati fino a far uscire le lampadine dai loro alloggiamenti.

di Stefano Blanco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.