CGIL E OPERATORI IN PROTESTA CONTRO IL MANCATO RINNOVO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

CGIL E OPERATORI IN PROTESTA CONTRO IL MANCATO RINNOVO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Il servizio di refezione scolastica nella stragrande maggioranza delle scuole d’Italia è una realtà consolidata da anni, anche a Gela prima della pandemia il servizio stava prendendo piede salvo poi interrompersi come tante altre attività scolastiche a causa della pandemia. Qualche mese fa finalmente il via libera con la fine dell’emergenza pandemica e il lento ritorno alla normalità se non fosse che l’estate era ormai alle porte e che ai tanti lavoratori e lavoratrici il rinnovo promesso da tempo non è mai arrivato. Qualche giorno fa la notizia che a Caltanissetta è stata pubblicata una gara d’appalto per la refezione scolastica con un finanziamento pari ad oltre 3 milioni di euro, notizia che ha fatto infuriare i tanti operatori gelesi, che da mesi provano a dialogare con l’amministrazione e l’assessorato all’istruzione senza mai riuscire a trovare un accordo. Come spesso capita quello che in molte città anche non tanto lontane da noi, come appunto Caltanissetta, appare ordinarietà qui a Gela rappresenta la straordinarietà, mancanza di dialogo, comunicazione lenta, o semplice indifferenza? nessuno può saperlo, fatto sta che un servizio come quello della mensa scolastica non significa solo dar da mangiare ai propri figli ma molto di più.

di Simone Carrubba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.