L’AUTODROMO DI PERGUSA TORNA A RIPOPOLARSI PER IL CAMPIONATO ITALIANO GRAN TURISMO

L’AUTODROMO DI PERGUSA TORNA A RIPOPOLARSI PER IL CAMPIONATO ITALIANO GRAN TURISMO

L’autodromo di Pergusa torna ad accogliere e a scaldare i cuori degli appassionati del Motorsport in occasione del primo appuntamento del campionato italiano gran turismo endurance. La giornata si è aperta ufficialmente nella mattinata, prima con la gara 1 della categoria prototipi e a seguire con la sfilata delle vetture d’epoca. Tanta la soddisfazione per il presidente dell’autodromo Mario Sgrò che ai nostri microfoni ha dato una piccola anticipazione sui progetti futuri dell’autodromo. La gara principale non ha deluso le aspettative degli appassionati: sorpassi ed errori dei piloti hanno reso le due ore di gara emozionanti. Il tracciato ennese è uno dei più difficili del campionato, in quanto è composto da numerosi rettilinei e svariate chicane, la più celebre la variante Schumacher dove tanti piloti hanno toccato la fila di gomme presente ai margini della curva. Trattandosi di un endurance, durante la gara si sono visti i cambi pilota, un elemento che ha reso il gran premio ancora più avvincente . Nella categoria gt3 pro ha trionfato l’equipaggio Lamborghini del team Vsr composto Karol Basz, Benjamin Hites e il giovane italiano Mattia Michelotto, quest’ultimo autore del sorpasso decisivo all’ultima curva nel giro finale ai danni dell’altra Lamborghini guidata nell’ultimo stint dal nipponico Yuki Nemoto che dopo aver condotto la gara in maniera perfetta, nelle ultimi minuti ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di un problema all’impianto frenante chiudendo la gara in seconda posizione. Per il team Lamborghini le gioie non sono finite qui: anche l’equipaggio della categoria gt3 am composto da Baptiste Moulin e Andrea cola ha ottenuto il successo nella serie amatori per il team Vsr.

di Simone Carrubba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.