Giornata delle famiglie speciale quest’anno con uno sguardo rivolto a quelle in arrivo dall’Ucraina

Giornata delle famiglie speciale quest’anno con uno sguardo rivolto a quelle in arrivo dall’Ucraina

Riflettere sull’importanza delle famiglie, fondamentali per lo sviluppo e il benessere dei suoi membri. Con questo obbiettivo l’Onu, nel 1994, ha istituito la giornata internazionale delle famiglie. Anche quest’anno la città di Gela ha fatto la sua parte grazie all’impegno dell’associazione “Gela Famiglia” che, dopo lo stop forzato dovuto pandemia, ha organizzato un momento di confronto alla casa del volontariato. La famiglia è una risorsa e va allo stesso tempo protetta da quelle emergenze che possono colpirla. La pandemia ha messo a dura prova interi nuclei familiari ma allo stesso tempo ha permesso a tanti di conoscersi meglio grazie al maggior tempo trascorso insieme. Crisi economica e disagio sociale sono piaghe che purtroppo colpiscono e mutano i rapporti familiari. È a quel punto che diventa fondamentale il lavoro delle associazioni di volontariato. Ha relazionato il dirigente dell’istituto Ettore Romagnoli Gianfranco Mancuso. Durante il pomeriggio sono stati premiati gli alunni che hanno partecipato al concorso dedicato alle famiglie indetto dall’associazione. Le sfide che una famiglia deve affrontare non sono solo di carattere economico e sociale. Lo ha insegnato la pandemia, che in molti casi ha sterminato interi nuclei familiari, e continua a dimostrarlo il conflitto in atto nel cuore dell’Europa. Per questo l’edizione di quest’anno non poteva volgere lo sguardo alle famiglie ucraine. Sono tante quelle arrivate in città nelle ultime settimane e la solidarietà dei gelesi non è mancata. Tre di queste erano presenti all’evento, insieme a chi ha deciso di ospitarle

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.