DAMANTE ANCORA POSITIVO MA VOGLIOSO DI TORNARE: “TRASFERIMENTO PAZIENTI ERA UNICA SOLUZIONE”

DAMANTE ANCORA POSITIVO MA VOGLIOSO DI TORNARE: “TRASFERIMENTO PAZIENTI ERA UNICA SOLUZIONE”

Resterà chiusa ancora un paio di giorni con probabilità la terapia intensiva del Vittorio Emanuele di Gela. A sette giorni dalla riscontrata positività di gran parte del personale, il primario Salvatore Damante non si è ancora negativizzato. Un leone in gabbia si definisce il medico, visto che la voglia di tornare in corsia è tanta. Anche secondo il dottor Damante la chiusura del reparto era l’unica via percorribile. La carenza di personale c’è, sia a Gela che a Caltanissetta, e i rianimatori in servizio non sarebbero riusciti a coprire tre terapie intensive e le emergenze ordinarie. Damante rassicura anche sulle modalità con la quale è avvenuto il trasferimento dei pazienti da Gela a Caltanissetta. La positività del primario ha innescato una serie di critiche provenienti soprattutto dai No-Vax che, soprattutto sui social, si sono chiesti come mai un medico vaccinato con tre dosi si sia infettato.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.