IL VICESINDACO LANCIA UN APPELLO PER I GELESI VACCINATI E PRIVI DI GREEN PASS BLOCCATI DALLA BUROCRAZIA

IL VICESINDACO LANCIA UN APPELLO PER I GELESI VACCINATI E PRIVI DI GREEN PASS BLOCCATI DALLA BUROCRAZIA

Sono tanti i gelesi bloccati in un limbo non solo a causa delle inefficienze organizzative dell’ASP. Ad essi prova a dare risposta e sostegno quotidianamente il vicesindaco Terenziano Di Stefano che si è rivolto al Premier Mario Draghi con una lettera aperta. Ci sono cittadini privi di Green Pass, nonostante si siano già sottoposti alla vaccinazione, magari con una sola dose in attesa della certificazione verde che non viene generata nell’immediato. Sono gelesi che devono tornare a casa o a lavoro in un’altra Regione o al viceversa che devono far ritorno qui in città per motivi di salute o lavoro. Per salire sui mezzi di trasporto è necessario essere muniti di Green Pass e per questo i malcapitati sono rimasti bloccati. C’è persino una coppia di coniugi che non può accompagnare il figlio a Roma per un’importante operazione chirurgica. Una situazione che penalizza in particolare la Sicilia, visto che anche per spostarsi in auto bisogna imbarcarsi su un traghetto a Messina. Nel resto d’Italia invece  basterebbe accendere il motore e pigiare l’acceleratore senza la necessità di esibire il Green Pass. Oltretutto durante la prima fase della pandemia, anche durante il lock-down, era possibile spostarsi per motivi di salute, lavoro, necessità o per far rientro presso la propria abitazione. È anche all’ASP che il vicesindaco lancia un accorato appello a sostegno di tutti quei gelesi bloccati nel limbo a causa delle inadempienze burocratiche dell’azienda sanitaria.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.