FERITE PER ALTRI CONDOMINI NELL’INCENDIO DEL PORTONE NEL QUARTIERE FONDO IOZZA

FERITE PER ALTRI CONDOMINI NELL’INCENDIO DEL PORTONE NEL QUARTIERE FONDO IOZZA

Venerdì sera la presunta intimidazione ai danni di un portoncino di casa della famiglia Scilio, moglie, marito e 5 figli, nel quartiere Fondo Iozza. Nelle immagini del servizio del telegiornale di rete Chiara è stato mostrato una roulotte distrutta dalle fiamme appiccate da ignoti, di proprietà di El Ouazzani Mounir, cittadino originario del Marocco. I due episodi, sebbene accaduti la stessa sera, sono da ritenersi estranei fra loro. Infatti la roulotte non è di proprietà della famiglia ma di un residente dello stesso stabile dove è andato distrutto il portoncino. Gli inquirenti stanno indagando su entrambi gli episodi e non si esclude che possano aver avuto la stessa mano delittuosa. Il proprietario della roulette, che ci ha contattato, tiene a precisare che a causa dell’incendio del portoncino una delle sue tre figlie è stata trasportata al Vittorio Emanuele, dove per l’intera notte è rimasta attaccata all’ossigeno. Diverse sono le escoriazioni che ha riportato a causa dell’incendio. La famiglia risiede al quinto piano e la minorenne intimorita dalle fiamme aveva tentato di lasciare lo stabile, rimanendo però inghiottita dal fumo. Anche un ottantenne ha dovuto far ricorso alle cure ospedaliere. Lo stesso residente, proprietario della roulette andata in fiamme la stessa notte, racconta di un clima teso che si respira nel condominio. Per questo presume che l’atto incendiario sia legato a motivi raziali, visto che su un muro dello stabile sono apparse scritte contro di lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.