LA REGIONE ESCLUDE GELA DALLO STATO DI CALAMITÀ: L’AMMINISTRAZIONE RASSICURA, MOZIONE DEL M5S

LA REGIONE ESCLUDE GELA DALLO STATO DI CALAMITÀ: L’AMMINISTRAZIONE RASSICURA, MOZIONE DEL M5S

Le abbondanti piogge delle scorse settimane hanno danneggiato gran parte delle colture della piana di Gela. Il maltempo non ha risparmiato neanche strade, magazzini e abitazioni private. La Regione nelle scorse ore ha emanato lo stato di crisi e di emergenza per quattro comuni del nisseno, escludendo Gela.   negli scorsi giorni  il Consiglio Comunale, con una delibera, si era appellato  alla Regione Siciliana affinché emanasse lo stato di calamità naturale, essenziale per garantire aiuti economici ai braccianti, ormai allo stremo.   l’esclusione della città del Golfo ha ancora una volta  suscitato scalpore. I primi a dare qualche chiarimento sono stati l’assessore all’agricoltura Giuseppe Licata e il presidente del consiglio Salvatore Sammito. La delibera della Regione si riferisce ai danni alle strade e alle infrastrutture, le esondazioni di fiumi, i crolli, i danni alle attività. Secondo l’assessore Gela avrebbe dovuto esserci visto che i danni a Gela si sono registrati sia in città che nelle campagne. Pare ci sia ancora una possibilità invece affinché Gela finisca nella delibera del dipartimento agricoltura. Intanto il prossimo martedì il casso approderà all’ars, con una mozione a firma del M5S.

di Graziano Amato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.