NESSUNA CERTEZZA SUL FUTURO DELL’EMERGENZA RIFIUTI MENTRE A TIMPAZZO ANCORA TROPPI CONFERIMENTI

NESSUNA CERTEZZA SUL FUTURO DELL’EMERGENZA RIFIUTI MENTRE  A TIMPAZZO ANCORA TROPPI CONFERIMENTI

Una soluzione a brevissimo termine non c’è. A Timpazzo continueranno ad arrivare rifiuti per almeno altri due mesi. Neanche dal tavolo convocato ieri in Regione sono emerse importanti novità per svincolare la discarica dai rifiuti di mezza Sicilia. A Palermo ieri c’erano i sindaci della Srr, l’assessore Baglieri, il dirigente Foti, l’arpa e un consulente di Musumeci. Gli incontri si terranno presumibilmente ogni settimana, per monitorare la situazione ma le altre Srr, che al momento si appoggiano a Timpazzo, dovranno predisporre il trasferimento dei rifiuti all’estero. Lunedì prossimo sarà presente anche sicula trasporti, gestore del sito di Lentini, che le porte le ha chiuse mesi fa dirottando la spazzatura a Gela.   di questo passo, come continua a sottolineare l’amministratore di Impianti Srr, la vasca e si esaurirà entro un anno. Non ci sono certezze neanche sul futuro della gestione del servizio smaltimento rifiuti in città. Per l’insediamento del servizio in house gestito dalla impianti potrebbero trascorrere almeno 4 mesi, mentre la Regione non si è ancora espressa sull’aro, servizio che il comune vorrebbe affidare autonomamente con una procedura negoziata. Nel frattempo se ne occuperà ancora Tekra.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.