BLITZ DELLA COMMISSIONE SANITA’ AL PS INFETTIVOLOGICO: “RITARDI NEGLI ALLACCI, ACCELLERARE APERTURA”

BLITZ DELLA COMMISSIONE SANITA’ AL PS INFETTIVOLOGICO: “RITARDI NEGLI ALLACCI, ACCELLERARE APERTURA”

Oltre al pronto soccorso ordinario e la terapia intensiva finanziata da Eni, probabilmente neanche il pronto soccorso infettivologico aprirà i battenti a breve. È quanto è emerso questa mattina dal sopralluogo che ha voluto fare la Commissione Sanità. I consiglieri hanno accertato che i lavori proseguono, ma praticamente mancano le tessere  fondamentali all’apertura. L’iter è seguito direttamente dal commissario delegato per l’emergenza Covid-19 Tuccio D’Urso che a febbraio, durante un sopralluogo,   dichiarò che il pronto soccorso infettivologico sarebbe stato pronto entro 100 giorni. Di mesi ne sono passati sette e il ritardo è notevole. Il reparto era stato pensato durante il boom dell’emergenza epidemiologica per diversificare gli arrivi in ospedale dei pazienti Covid-19 e trattarli in un’unica struttura per gli accertamenti. I locali dell’ex banca permettono di trasportare il paziente direttamente all’interno del reparto Covid-19. Oggi l’emergenza è cambiata, ci sono meno ospedalizzazioni ma il futuro è incerto e strutture del genere.

di Graziano Amato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *