DAL 15 OTTOBRE IL CERTIFICATO VERDE SARÀ OBBLIGATORIO PER TUTTI I LAVORATORI PUBBLICI E PRIVATI

DAL 15 OTTOBRE IL CERTIFICATO VERDE SARÀ OBBLIGATORIO  PER TUTTI I LAVORATORI PUBBLICI E PRIVATI

Nato come lasciapassare per viaggi e spostamenti il certificato verde sta diventando pian piano uno strumento essenziale per qualsiasi luogo di lavoro. Sono stati tre i decreti che, da luglio in poi, hanno permesso questa evoluzione. Il numero di persone coinvolte si è ampliato progressivamente, includendo per primi agli inizi di aprile medici e infermieri, a settembre sono stati inclusi personale scolastico e universitario, lavoratori di mense e addetti delle Rsa per arrivare all’ultimo aggiornamento reso pubblico proprio negli scorsi giorni. Dal 15 ottobre, infatti, secondo il nuovo decreto legge circa 23 milioni di lavoratori in tutta Italia dovranno presentare la certificazione verde sul posto di lavoro. I controlli che dovranno essere effettuati quotidianamente  Saranno a carico dei datori di lavoro o direttamente dell’ente nel caso degli impieghi pubblici. In caso di mancati controlli sarebbero pronte sanzioni dai 400 ai mille euro. Per quanto riguarda invece, coloro i quali non presentassero Green Pass non sono previste sanzioni, tuttavia, il governo ha escogitato un sistema per disincentivare tale comportamento. Infatti, in caso di mancanza del certificato ai dipendenti sarà vietato di entrare nel luogo di lavoro e verranno considerati come assenti ingiustificati con l’interruzione a partire dal quinto giorno della retribuzione. Questo sistema ha sollevato non poche polemiche soprattutto per quanto riguarda i dipendenti pubblici. A Gela per esempio sarebbero circa una cinquantina i dipendenti ancora non vaccinati negli uffici comunali tra cui figurerebbe anche qualche consigliere. Dopo che Gela non è riuscita a raggiungere la soglia dell’80% di vaccinati questa situazione sembra un paradosso. Dal 15 ottobre tuttavia anche questa ultima fetta di non vaccinati dovrà fare i conti col Green Pass

di Stefano Blanco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *