TEMPO SCADUTO, SFUMA OBBIETTIVO 80% DI PRIME DOSI: I POCHI CONTAGI DOVREBBERO SCONGIURARE RESTRIZIONI

TEMPO SCADUTO, SFUMA OBBIETTIVO 80% DI PRIME DOSI: I POCHI CONTAGI DOVREBBERO SCONGIURARE RESTRIZIONI

Non è bastata la campagna vaccinale di prossimità per raggiungere l’80% di vaccinati con prima dose a Gela. Per due weekend l’hub ha stazionato in nove zone della città. Sono stati inoculati oltre 130 vaccini.   ma l’obbiettivo è ancora lontano e la percentuale si aggira intorno al 75%. Gela comunque, non rischierebbe la zona Arancione visto che la curva dei contagi è ai minimi storici. Questa mattina la postazione di asp e croce rossa ha raggiunto il mercatino rionale di via Madonna del Rosario, con scarsi risultati. Sono ancora troppi gli indecisi, gli impauriti. La campagna di prossimità si è comunque rivelata un ottimo esperimento grazie alla collaborazione fra asp, comune e volontari. Ora si attendono risposte dalla Regione, ma non dovrebbero esserci sorprese. A Gela non ha sortito effetti neanche il decreto dello scorso 16 settembre che ha esteso l’obbligo del Green Pass a tutti i lavoratori a partire dal 15 ottobre. In altre regioni si è registrato uno sprint di prime dosi. Valle d’Aosta, Veneto e trentino hanno raddoppiato le somministrazioni. Al contrario, la Sicilia è stata l’unica Regione un arretramento di prime dosi rispetto alla settimana precedente alla pubblicazione del decreto. Ad oggi solo il 70, 1% degli over 12 è completamente immunizzato, a fronte di una media nazionale del 78, 2, mentre è boom di richieste ai medici di famiglia. Tutti vogliono il certificato di esonero.   ne avrebbe diritto  chi soffre di «specifiche condizioni cliniche documentate». Non esiste un elenco di patologie, ma quelle che presentano una controindicazione al vaccino si contano sulle dita di una mano, mentre oltre un milione di Siciliani non ha ricevuto neanche la prima dose. Moltissimi, a giudicare dai dati che sono praticamente raddoppiati nelle ultime due settimane, preferiscono sottoporsi al tampone per ottenere il green pass.   eppure gli effetti della campagna, seppur risicati, si sentono. Il tasso di  l’ospedalizzazione è vertiginosamente calato nelle ultime settimane.

di Graziano Amato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *