ITALIA VIVA PORTA IN CITTÀ’ IL VICEMINISTRO TERESA BELLANOVA: FOCUS SU PORTUALITÀ’ E DIGHE

ITALIA VIVA PORTA IN CITTÀ’ IL VICEMINISTRO TERESA BELLANOVA: FOCUS SU PORTUALITÀ’ E DIGHE

I renziani hanno voluto dimostrare la solidità del filo conduttore che Lega Gela al governo nazionale. In città è arrivato il Viceministro alle infrastrutture Teresa Bellanova, accompagnata dal senatore Davide Faraone. Arrivata a palazzo di città intorno alle 19 si è intrattenuta qualche minuto con il sindaco Lucio Greco, che in una rapida carrellata ha elencato tutte le risposte che si attende dal governo centrale, da cui ha sottolineato pretende maggiore attenzione, sulla scorta di quello che Gela rappresenta, specie dopo la riconversione industriale del 2014, che in un certo senso porta anche  la firma del numero uno di Italia Viva, Matteo Renzi. Le risposte il Viceministro ha preferito darle qualche ora dopo, durante il congresso del partito. Per l’esponente del governo l’inserimento di Gela nell’autorità portuale della Sicilia occidentale, voluto dal governo,   è un’opportunità da sfruttare. Se da un lato l’ingresso nell’autorità portuale occidentale rincuora, dall’altro preoccupa. I tecnici hanno già paventato la possibilità che quest’operazione possa mettere a rischio i fondi destinati alle zone economiche speciali. Ipotesi che il governo vuole scongiurare. Inevitabilmente si è parlato di dighe. Per il Viceministro il rilancio degli invasi e della portualità vanno pari passo per dare vita ad un modello di economia circolare capace di rilanciare l’economia del paese. Il congresso di Italia Viva è stato aperto dal segretario provinciale Giuseppe Ventura. Il partito era al completo con la presenza dei segretari cittadini. Il sostegno all’Amministrazione Greco Italia Viva lo ha sempre annunciato, già all’indomani del congresso cittadino e con l’ingresso in Giunta di Cristian Malluzzo la cui permanenza al momento, Salvo sorprese, non dovrebbe essere in discussione.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *