PROGETTO H: “SERVE TERRITORIO PIÙ ACCESSIBILE”, UN CONVEGNO PER DISCUTERE DI PROBLEMATICHE E PROPOSTE

PROGETTO H: “SERVE TERRITORIO PIÙ ACCESSIBILE”, UN CONVEGNO PER DISCUTERE DI PROBLEMATICHE E PROPOSTE

We have a dream, Gela territorio accessibile. È un titolo forte e significativo quello scelto da pino valenti, presidente dell’associazione h, per un convegno che ieri al Club nautico ha riunito istituzioni, associazioni, enti e professionisti. Si è parlato di accessibilità del territorio,   problematiche che attanagliano ancora il mondo della disabilità, proposte  e  possibili soluzioni. Se c’è la necessità di parlarne, vuol dire pure che c’è ancora un territorio poco preparato all’inclusione. Tutti i relatori hanno parlato di accessibilità a 360 gradii. L’architetto Giovanbattista Mauro ad esempio ha esposto i dettagli dell’ultimo progetto finanziato per Gela, che punta ad abbattere delle barriere sociali più che materiali. Il sociologo e docente universitario Francesco pira invece si è concentrato sul turismo relazionale. Se c’è una cosa che può struggere il cuore è pensare a dei genitori di un soggetto disabile che scompaiono per sempre. Cosa ci sarà dopo di loro che per una vita hanno straveduto per i propri figli? Al convegno ha partecipato anche l’assessore alle politiche del lavoro e della famiglia Antonio Scavone.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *