CRESCONO LE CRITICHE SULL’EVENTO “INVINOGHELAS”, PELLEGRINO: “È IL MOMENTO DELLA RESPONSABILITÀ”

CRESCONO LE CRITICHE SULL’EVENTO “INVINOGHELAS”, PELLEGRINO: “È IL MOMENTO DELLA RESPONSABILITÀ”

Come era prevedibile l’evento In Vino Ghelas organizzato dall’associazione cambiamenti e inserito nel cartellone dell’estate gelese ha suscitato non poche polemiche. È bastata qualche fotografia pubblicata da una pagina satirica su Facebook a scatenare una serie di reazioni politiche. Gli scatti immortalano istantanee di partecipanti assembrati e privi di mascherine all’interno del parco delle mura Timoleontee, dove si è svolto l’evento. “consentire che avvengono tali assembramenti senza rispetto delle regole è una vergogna” ha scritto il segretario provinciale del Pd Peppe Di Cristina. Per Gabriele Pellegrino, di avanti Gela, è stato un errore autorizzare lo svolgimento di un’iniziativa del genere. Punta il dito contro l’Amministrazione. Secondo il consigliere d’opposizione era prevedibile un epilogo del genere, e forse si sarebbe potuto evitare. Secondo gli organizzatori tutto si sarebbe svolto nella norma. Chi c’era può raccontare che si è trattato di un evento contingentato – dicono- con controlli agli ingressi per quanto riguarda il Green Pass e anche all’interno delle mura. Ogni 5 minuti una voce al microfono ricordava ai partecipanti di non assembrarsi e di indossare la mascherine. È stata garantita anche la sicurezza del sito, con il divieto di fumo. Nessuno inoltre ha ballato durante la serata. Tutti comunque erano in possesso di Green Pass o tampone eseguito nelle 48 ore precedenti. A poche ore di distanza si è svolto un altro evento simile  dove assembramenti e balli non sono mancati. Appare strano oltretutto – aggiungono – che a criticare sia un consigliere facente parte dello stesso partito di un collega che ha preso parte all’evento. Gabriele pellegrino in ogni caso non ha  dubbi. Quell’evento andava annullato e chiede le dimissioni dell’assessore Cristian Malluzzo.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *