MANFRIA DIMENTICATA: DALLA GUARDIA MEDICA POCO ATTREZZATA, AI RIFIUTI FINO ALLA TARDIVA DISINFESTAZIONE

MANFRIA DIMENTICATA: DALLA GUARDIA MEDICA POCO ATTREZZATA, AI RIFIUTI FINO ALLA TARDIVA DISINFESTAZIONE

Manfria in estate viene presa d’assalto dai gelesi che si trasferiscono presso la propria residenza estiva. La zona balneare però non gode dell’attenzione che merita sia per l’elevato numero di residenti che per le bellezze che offre. Sono tante le segnalazioni e gli appelli che si susseguono sul web e non solo. L’ultima, solo per ordine temporale, accende i riflettori sulla guardia medica turistica. Avercela è già un grande risultato – pensa qualche residente – ma il presidio pare sia sprovvisto anche del più semplice materiale medico. Niente cerotti o garze, al massimo del disinfettante per le ferite lievi. I problemi a Manfria passano anche per la gestione dei rifiuti. Secondo la denuncia dell’ex assessore Flavio di Francesco la raccolta porta a porta nelle ultime tre settimane è stata ridimensionata, soltanto un passaggio per l’indifferenziato. “non è normale  – ha detto di Francesco – in queste settimane  Manfria è popolata da migliaia di residenti”. È proprio per questo che per alcuni appare assurdo che la derattizzazione e la deblattizzatone sia stata fissata proprio per il 14 agosto. A proposito di rifiuti c’è poi l’annoso problema della discarica abusiva di borgo Manfria. A poco è servita l’azione repressiva delle telecamere. In quello svincolo i rifiuti vengono abbandonati senza ritegno quotidianamente. Il sindaco il 29 luglio attraverso un post su Facebook aveva annunciato una bonifica dell’area, che ancora però non c’è stata.

di Graziano Amato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *