Per il giornalista gelese Andrea Turco, autore di libri e dossier dedicati alle controversie dell’industrializzazione Eni a Gela,   lo smantellamento del camino snox, attività inserita all’interno del piano di decomissioning, è sicuramente un passo importante che i gelesi aspettano da tempo. Un’opera che allo stesso tempo però, secondo il giornalista, dimostra il quasi fallimento del vecchio modello di sviluppo industriale del cane a sei zampe, che in città ha impattato sull’ambiente e la salute dei gelesi. Secondo il giornalista, l’inizio dei lavori  arriva  con notevole ritardo rispetto alla firma dell’accordo tra l’ex ministro grillino Sergio Costa e l’ad Eni Claudio Descalzi. Non solo gli impianti Eni in disuso. Secondo Andrea Turco è il momento di andare oltre le esultanze ed è necessario spingere affinché all’interno del recovery plan vengano inserite le bonifiche di tutte le aree sin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com