MESSA IN DIRETTA NELLA GIORNATA DEL MALATO PER RAGGIUNGERE ANCHE LE PERSONE COLPITE DAL COVID

MESSA IN DIRETTA NELLA GIORNATA DEL MALATO PER RAGGIUNGERE ANCHE LE PERSONE COLPITE DAL COVID

La 29esima giornata del malato non poteva non aprirsi con un pensiero rivolto a chi in quest’ultimo hanno ha patito gli effetti terribili della pandemia. “è momento propizio per riservare una speciale attenzione alle persone malate e a coloro che le assistono” ha detto papa Francesco. Che ha aggiunto. “il pensiero va in particolare a quanti, in tutto il mondo, patiscono gli effetti della pandemia del coronavirus”. “la vicinanza è un balsamo prezioso, che dà sostegno e consolazione a chi soffre nella malattia” ha ancora sottolineato il pontefice che si è rivolto a medici, infermieri, personale sanitario, a chi insomma ha dato tutto, spesso anche la vita per assistere chi è malato. Anche rete chiara, in occasione della 29esima giornata del malato è voluta stare simbolicamente vicino ogni malato che da casa ha potuto seguire in diretta  la celebrazione presieduta dal vescovo monsigor Rosario Gisana. La celebrazione è stata animata dalla pastorale della salute diocesana di piazza armerina. È anche ai volontari che si è rivolto papa Francesco nella sua lettera. «perché vi sia una buona terapia, è decisivo l’aspetto relazionale, . «valorizzare questo aspetto aiuta  i volontari a farsi carico di coloro che soffrono per accompagnarli in un percorso di guarigione. Un patto fondato sulla fiducia e il rispetto, sulla sincerità, sulla disponibilità, così da superare ogni barriera difensiva, mettere al centro la dignità del malato, tutelare la professionalità degli operatori sanitari e intrattenere un buon rapporto con le famiglie dei pazienti”».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.