”VOGLIONO CANCELLARE LA STORIA PER FARE CASSA, IL CIMITERO MONUMENTALE E’ UN MUSEO DEL VISSUTO”

”VOGLIONO CANCELLARE LA STORIA PER FARE CASSA, IL CIMITERO MONUMENTALE E’ UN MUSEO DEL VISSUTO”

A contestare la scelta dell’amministrazione non c’è solo la politica. Il centro di spiritualità salvatore Zuppardo si è fortemente opposto nelle scorse ore alla decisione di tumulare le salme conservate al cimitero monumentale per liberare i loculi dalle concessioni trentennali scadute. Secondo il presidente Cassisi sarebbero da deferire all’autorità giudiziaria gli amministratori cittadini e i loro dirigenti per il reato di cancellazione della memoria storica, al solo scopo di fare cassa per l’associazione è impensabile rispondere in questo modo all’incapacità di amministrare e di provvedere alla costruzione di nuovi loculi a Farello. Cassisi e lo storico Zuppardo si chiedono da quanti anni non vengono costruiti nuovi loculi e perchè si vada avanti sequestrando quelli delle confraternite comprati da cittadini con tanti sacrifici e non quelli di di nomi altosonanti. Secondo Emanuele Zuppardo al monumentale ci sono oltre 150 loculi vuoti. Secondo gli esponenti dell’associazione il cimitero è un museo a cielo aperto e conserva le memorie storiche della Gela che fu attraverso le fotografie dei deceduti, gli abiti che indossavano, le loro acconciature, gli intarsi sulle lapidi di marmo delle sezioni 1 2 3 4, le più antiche, a cui fa riferimento l’ordinanza. L’associazione non si risparmierà sul tema invocando il ritiro della delibera, invitando se necessario anche il ministero dei beni culturali. . l’amministrazione comunale rivendica le proprie azioni e rassicura: i loculi che conservano importanza storica non verranno intaccati dall’ordinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *