CHIUSURA DELLE SCUOLE, GIUDICE: “A PAGARNE LE CONSEGUENZE SARANNO I PIU’ DEBOLI, BAMBINI E FAMIGLIE”

LA POVERTÀ EDUCATIVA È QUELLA CONDIZIONE IN CUI IL DIRITTO DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI AD APPRENDERE, FORMARSI, SVILUPPARE CAPACITÀ E COMPETENZE, È PRIVATO O COMPROMESSO IN SEGUITO A LUNGHI MESI DI CHIUSURA DELLE SCUOLE CHE HANNO DI CERTO AGGRAVATO LA POVERTÀ EDUCATIVA PER CHI È IN CONDIZIONI DI SVANTAGGIO SOCIOECONOMICO O PSICOFISICO.

CON LA CHIUSURA DELLE SCUOLE IN CITTÀ, I BAMBINI PIÙ PICCOLI IN PARTICOLAR MODO VIENE LESO IL DIRITTO ALLO STUDIO, MA SONO LESE ANCHE LE OPPORTUNITÀ EDUCATIVE IN GENERALE, DA QUELLE CONNESSE ALLA FRUIZIONE CULTURALE, AL DIRITTO AL GIOCO E ALLE ATTIVITÀ SPORTIVE.

C’È DA CHIEDERSI QUALI SCENARI DI MACERIE EDUCATIVE VEDREMO NEI PROSSIMI MESI O NEI PROSSIMI ANNI. LA PANDEMIA AVRÀ LASCIATO, OLTRE A UNO STRASCICO DI LUTTI, A TRAUMI PSICOLOGICI PROFONDI, A CONSEGUENZE SOCIALI DI OGNI TIPO E A GRAVI CONTRACCOLPI ECONOMICI, ANCHE UN AGGRAVAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.