SAN MARTINO: FEDE E TRADIZIONI RINNOVATE, NONOSTANTE LE RESTRIZIONI COVID

SAN MARTINO: FEDE E TRADIZIONI RINNOVATE, NONOSTANTE LE RESTRIZIONI COVID

UNA FESTA DI SAN MARTINO RIVOLUZIONATA QUELLA DI QUEST’ANNO, CONTRADDISTINTA DALLE RESTRIZIONI COVID. DI CERTO NON E’ VIETATO RIUNIRSI IN SCAMPAGNATE, MA FORTEMENTE SCONSIGLIATO. RESTA LA MAGIA DI UNA FESTIVITA’ CHE OLTRE AD OMAGGIARE UNO DEI SANTI PIU AMATI E RICORDATI DELLA STORIA, GODE DI UN’ANTICA TRADIZIONE.  LA  TRADIZIONE  E LA FEDE RACCONTANO  DI COME MARTINO, SOLDATO DELL’IMPERO ROMANO, DURANTE UNA RONDA NOTTURNA NELL’INVERNO DEL 335 DIVISE IL SUO MANTELLO CON UN MERCANTE SEMINUDO. DOPO QUELLA NOTTE E LA VISIONE DI GESÙ IN SOGNO VESTITO CON LA METÀ DEL SUO MANTELLO MILITARE, MARTINO SI CONVERTÌ AL CRISTIANESIMO. SPESSO QUESTA RICORRENZA È LEGATA ALLA PRIMA SPILLATURA DEL VINO NOVELLO. IN SICILIA INFATTI  LA FESTA È ASSOCIATA ALLA MATURAZIONE DEL VINO NUOVO, PER CUI SI USA MANGIARE LE CASTAGNE ARROSTITE ACCOMPAGNATA DAL VINO NOVELLO E DALLA SALSICCIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *